CARRELLO
il carrello è vuoto
Nuovo cliente? Registrati
tecniche grafichecalcografia incisionetorchi calcografici
REIG- TORCHIO CALCOGRAFICO - LARGHEZZA RULLO 105 CM - PIANO 1100X 1850 X 18 MM - DIAMETRO RULLI 250 MM - CON RIDUTTORE - FABBRICATO IN ACCIAIO, CROMATO E VERNICIATO IN RESINA EPOSSIDICA ( COMPRESO DI 2 FELTRI 3/5 MM - CAVALLETTO COMPRESO) REF. 100-A
— cod. 31019
— N.B. articolo con costo addizionale di spedizione (peso/volume)
Disponibile in 5/7 giorni
€ 11.488,00€ 9.830,00 (IVA esclusa)

Ref. 100-A

Tavolo con ripiano, incluso.
DIMENSIONI DEL TORCHIO:
ACCESSORI DEL TORCHIO:
- Lunghezza: 1400 mm.
- Piastra in fibra rigida INDEFORMABILE 1100x1600x20 mm.
- Larghezza: 1000 mm.
- Feltro 1050x1600x3 mm.
- Altezza: 1480 mm.
- Feltro 1050x1600x5 mm.
- Peso approssimato del torchio: 480 Kg.
- Imballaggio speciale in legno per il torchio.
- Dimensione del tavolo 1167x1005x560
REF. 100-A

Incorpora 4 regolatori di registrazione per la piastra.
Incorpora etichetta millimetrata per controllare la pressione dei cilindri.
Per il migliore scivolamento e guida della piastra di stampa, sono incorporati 4 rulli e due guide laterali in rame.
Torchio da Stampa CON RIDUTTORE (rapporto 1:20), fabbricato in acciaio, cromato e verniciato in epossidico.
Diametro dei cilindri 250 mm, con rullo inferiore zigrinato per ottenere una maggiore adesione di trascinamento.
Cilindro superiore con cuscinetti oscillanti.
Capacità della piastra 1100mm di larghezza per 1600mm di lunghezza.
Azionamento mediante volante a 8 raggi. REF. 100-A
Apertura massima tra i cilindri 80 mm.

Il torchio calcografico è uno strumento per la stampa calcografica. Viene descritto ed illustrato nell'Encyclopédie di Diderot e d'Alembert e la struttura e le modalità di impiego sono ancora le medesime. Una struttura robusta supporta due rulli, uno dei quali nei torchi tradizionali viene mosso da una tradizionale ruota a stella, mentre l'altro serve a dare la pressione. Tra i due, è inserita una lastra piana, trascinata dalla rotazione del rullo, sulla quale è stata appoggiata la lastra incisa inchiostrata, la carta inumidita, e del feltro per distribuire la pressione. Il foglio stampato, a seconda del metodo utilizzato nella stampa e/o per la creazione della lastra inchiostrata, può essere una stampa, un'acquaforte o acquatinta o bulino o incisione. Una buona stampa richiede una forte pressione specifica, e pertanto nel passato si sono utilizzati torchi calcografici con gigantesche strutture di legno, mentre attualmente si possono utilizzare anche torchi considerevolmente più piccoli, per mezzo dell'impiego di molle a tazza: un vantaggio aggiuntivo è che sono facilmente regolabili e permettono risultati ottimi, mentre la regolazione mediante spessori nei torchi tradizionali poteva rivelarsi un'impresa.







allegati
100-a 100-v scheda tecnica.pdf
CONDIVIDI
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY.
Cliccando sul pulsante acconsenti all’uso dei cookie.