CARRELLO
il carrello è vuoto
Nuovo cliente? Registrati
tecniche grafichecalcografia incisionetorchi calcografici
REIG- TORCHIO CALCOGRAFICO - LARGHEZZA RULLO . CM 37/39X10 - PIANO 408 X 800 X 10 MM - DIAMETRO RULLI 105 MM - SENZA RIDUTTORE - IN ACCIAIO CROMATO ( COMPRESO DI 2 FELTRI DA 3/ 5 MM - MORSETTO DI BLOCCAGGIO AL TAVOLO - REF. 130-A
— cod. 30623
— N.B. articolo con costo addizionale di spedizione (peso/volume)
Disponibile in 5/7 giorni
€ 930,00 (IVA esclusa)


Ref. 130-A | Pressa per stampaggio SENZA RIDUTTORE fabbricato in acciaio, cromato e verniciato in resina epossidica
- Pressa stampaggio SENZA RIDUTTORE fabbricato in acciaio, cromato
placcato e verniciato in resina epossidica.
- Diametro cilindro di 105 mm con rullo inferiore zigrinato per una migliore presa.
- Cilindro superiore con cuscinetti oscillanti.
- Capacità piattina larga 400 mm e lunga 800 mm.
- 5 blade drive.
- Apertura massima di 55 mm tra i cilindri.
- Bilancia millimetrica integrata per il controllo della pressione del cilindro.
- 4 rulli girevoli e due guide laterali in rame integrate per
scorrimento e direzione ottimali della lama piatta

- Dimensioni della stampa:
- lunghezza: 517 mm.
- larghezza: 475 mm.
- altezza: 405 mm.
- Peso approssimativo della pressa: 42 Kg.

ACCESSORI STAMPA:
- Fermacavi per il fissaggio al tavolo (Ref. 130-01)
- Lama piatta in fibra rigida ANTIDEFORMAZIONE 408x800x10 mm.
- Feltro 400x800x3 mm.


 

Il torchio calcografico è uno strumento per la stampa calcografica. Viene descritto ed illustrato nell'Encyclopédie di Diderot e d'Alembert e la struttura e le modalità di impiego sono ancora le medesime. Una struttura robusta supporta due rulli, uno dei quali nei torchi tradizionali viene mosso da una tradizionale ruota a stella, mentre l'altro serve a dare la pressione. Tra i due, è inserita una lastra piana, trascinata dalla rotazione del rullo, sulla quale è stata appoggiata la lastra incisa inchiostrata, la carta inumidita, e del feltro per distribuire la pressione. Il foglio stampato, a seconda del metodo utilizzato nella stampa e/o per la creazione della lastra inchiostrata, può essere una stampa, un'acquaforte o acquatinta o bulino o incisione. Una buona stampa richiede una forte pressione specifica, e pertanto nel passato si sono utilizzati torchi calcografici con gigantesche strutture di legno, mentre attualmente si possono utilizzare anche torchi considerevolmente più piccoli, per mezzo dell'impiego di molle a tazza: un vantaggio aggiuntivo è che sono facilmente regolabili e permettono risultati ottimi, mentre la regolazione mediante spessori nei torchi tradizionali poteva rivelarsi un'impresa.







allegati
130-a scheda tecnica.pdf
CONDIVIDI
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY.
Cliccando sul pulsante acconsenti all’uso dei cookie.