CARRELLO
il carrello è vuoto
Nuovo cliente? Registrati
inchiostri calco di volo
La stampa di una matrice calcografica è quella che implica un maggior lavoro manuale. Si divide in tre fasi: inchiostratura, pulitura, stampa al torchio.
INCHIOSTRATURA: consiste nel far penetrare bene l'inchiostro nei segni incisi, a questo scopo si usa un inchiostro molto fluido distribuito abbondantemente, con una piccola spatola, su tutta la lastra, cercando di farlo penetrare in tutti i segni incisi.
PULITURA: consiste nel pulire tutta la superficie della lastra, senza però togliere l'inchiostro dai segni incisi. Lo stampatore usa garze, fogli di carta velina ed anche il palmo della mano. A seconda del risultato che si vuole ottenere si possono lasciare zone leggermente velate o pulire la superficie della lastra finché non risulta lucida
STAMPA: viene effettuata con un apposito torchio detto appunto "calcografico". La lastra viene collocata sul piano del torchio e le viene sovrapposto il foglio di carta umido e quindi un feltro di ammorbidimento. Il tutto viene fatto passare fra due cilindri in pressione tra loro che spingono la carta a raccogliere l'inchiostro dentro i segni incisi.
Le carte usate in calcografia, per riuscire, sotto pressione, a raccogliere l'inchiostro dentro a segni anche sottilissimi, sono spesso ancora fabbricate a mano da stracci di cotone. Devono essere piuttosto spesse, contenere pochissima colla, ma devono essere nello stesso tempo resistenti per reggere senza strappi alla pressione del torchio. Inoltre vengono inumidite prima della stampa in modo da farne gonfiare le fibre che così raccoglieranno meglio l'inchiostro dall'incavo dei segni.
 
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY.
Cliccando sul pulsante acconsenti all’uso dei cookie.